Conservativa

Nel cavo orale di un individuo sano convivono normalmente milioni di batteri che in condizioni normali non sono dannosi. Dopo ogni pasto però alcuni di essi, essendo in grado di metabolizzare gli zuccheri presenti nel cibo, inducono una reazione chimica che porta ad un abbassamento del pH della bocca. In tale condizione lo smalto tende a demineralizzarsi e, nel caso in cui il processo perduri nel tempo e l'individuo sia predisposto, diventa più poroso permettendo ai batteri stessi di penetrare all'interno degli strati più profondi del dente. 

Si forma così la carie e l'unico modo per evitare che si approfondisca sempre di più è quello di rimuovere il tessuto infetto e sostituirlo con del materiale sintetico, solitamente resinoso o ceramico. 

Lo scopo dell'odontoiatria conservativa è quindi eliminare il tessuto dentale compromesso e sostituirlo con un'otturazione o un intarsio.

Endodonzia

L'endodonto è la parte più profonda del dente, quella in cui è presente la polpa dentaria, formata principalmente da vasi sanguigni e piccoli fasci nervosi che portano il nutrimento e la sensibilità al dente.

Nel caso di carie profonde o traumi la polpa dentaria va incontro ad un processo infiammatorio definito pulpite, la quale può evolvere in seguito in necrosi della polpa e dare luogo a livello delle radici ad ascessi, granulomi e cisti.

Tali processi sono estremamente dolorosi e irreversibili e l'unico metodo di trattamento consiste appunto nell'endodonzia o "devitalizzazione" del dente. 

il trattamento endodontico (o devitalizzazione o terapia canalare) consiste nel rimuovere tutta la polpa dentaria ("il nervo"), detergere, sagomare e sigillare le radici con una otturazione canalare.

Protesi - CAD/CAM

La Protesi dentaria è quella parte dell'odontoiatria che ha come scopo sostituire denti o parti mancanti di essi. 

Si distinguono protesi rimovibili e protesi fisse a seconda che una volta consegnate al paziente egli abbia la possibilità di rimuoverle o meno.

La protesi rimovibile è costituita da strutture in resina talvolta con rinforzo metallico che poggiano sui denti residui/impianti e/o sulla mucosa orale.

La protesi fissa, oggi la più utilizzata in assoluto, viene cementata ai denti o cementata/avvitata agli impianti. Fanno parte di questa categoria le corone e i ponti, i quali possono essere costituiti da uno scheletro metallico rivestito di ceramica (corone metallo-ceramica) o solo da ceramica (ceramiche integrali). 

Lo studio si avvale, nei casi in cui sia necessario, della tecnologia CAD-CAM.

Parodontologia

La parodontologia si occupa delle strutture di sostegno dei denti (gengive, legamento parodontale, osso alveolare).

La malattia parodontale o parodontite o "piorrea" riceve oggi un attenzione decisamente maggiore rispetto ai decenni precedenti; grazie alla prevenzione, alle nuove scoperte e ad una maggiore coscienza dei pazienti è possibile intercettare precocemente la malattia e soprattutto far si che non porti alla perdita precoce degli elementi dentali come in tempi neanche troppo lontani.

Lo scopo della parodontologia, oltre che di diagnosticare e trattare tutte le condizioni patologiche dei tessuti di sostegno dei denti consiste anche, quando possibile, nel riparare i danni causati dalla malattia parodontale grazie alla chirurgia rigenerativa e alla chirurgia muco-gengivale.

Chirurgia Orale

La chirurgia, come suggerisce il nome stesso, si occupa di tutti i problemi chirurgici del cavo orale: estrazioni di residui radicolari, estrazioni di denti inclusi e semi-inclusi, rimozione di cisti o neoformazioni maligne e benigne, chirurgia preprotesica, chirurgia rigenerativa ossea, chirurgia impiantare, apicetomie, riduzione dei frenuli, piccole patologie delle ghiandole salivari, implantologia.

Implantologia

Gli impianti sono delle "viti" che vengono inserite nelle ossa mascellari in sostituzione delle radici dei denti persi precedentemente. 

Il materiale di cui sono composti, il titanio, è lo stesso utilizzato in ortopedia per viti e placche di fissaggio delle fratture; è un materiale inerte e sono descritti al mondo pochissimi casi di intolleranza.

La percentuale di successo implantare è variabile da caso a caso ma si attesta ben al di sopra del 90%, rendendo gli impianti il gold standard tra le terapie di riabilitazione dell'edentulia.

Ortodonzia

L'ortodonzia si occupa della prevenzione e della terapia delle malocclusioni, cioè delle deviazioni di vario genere e grado dell'occlusione del soggetto in esame rispetto all'occlusione "normale".

Nel nostro studio offriamo trattamenti di ortodontia fissa e mobile classica e trattamenti di ortodontia estetica con Invisalign.

Prevenzione

Al giorno d'oggi la prevenzione delle patologie ha un'importanza forse maggiore della terapia. "Prevenire è meglio che curare", un motto ormai diventato molto famoso, trova nel nostro studio la massima applicazione: i pazienti vengono istruiti al meglio su come effettuare l'igiene domiciliare e vengono richiamati sistematicamente per i controlli periodici facendo in modo che eventuali patologie vengano intercettate precocemente.

Una particolare attenzione viene data ai bambini, ai quali già in età precoce vengono insegnate tutte le manovre di igiene domiciliare e che vengono richiamati per i controlli più frequentemente

Radiologia

In tutte le sale operative è presente un sistema per effettuare le radiografie endorali. Grazie al sistema digitale la dose emessa dai tubi a raggi-X e assorbita dal paziente si è ulteriormente ridotta del 40%, facendo si che le esposizioni siano ormai veramente minime.

Nello studio è presente inoltre un apparecchio ortopantomografo (OPT, radiografia panoramica) e teleradiografico (teleradiografia per fini ortodontici).

Sono rispettate tutte le norme vigenti in materia di radioprotezione e ogni anno viene effettuato un controllo da un Esperto Qualificato secondo norme di legge.

Sterilizzazione

Anche da prima che fosse previsto dalla legge nello studio si offriva un'attenzione particolare alla sterilizzazione degli strumenti. 

Tutto ciò che viene utilizzato viene messo a bagno in delle speciali vasche contenenti disinfettanti di alto livello (aldeidi o sali dell'ammonio quaternario) che iniziano la sterilizzazione a freddo. 

Dopo aver passato almeno 20 minuti nella vasca gli strumenti vengono sciacquati, ripuliti manualmente, imbustati e inseriti in un'autoclave a vapore in cui l'alta temperatura (134 gradi) e l'alternanza di pressione positiva e negativa sterilizzano completamente rendendo sicuro il riutilizzo degli strumenti stessi.

I macchinari vengono testati ogni giorno e un sistema di cambiamento nella colorazione delle buste permette sempre di sapere se un determinato strumento è sterile o meno.

Primo Soccorso

Lo studio è attrezzato per fronteggiare qualsiasi situazione di emergenza; i medici sono qualificati per il primo soccorso ed è presente tutta l'attrezzatura necessaria (set di rianimazione con bombola di ossigeno e cassetta di farmaci per pronto soccorso come previsto dalla legge 626/94).